Veggie carrot fries

 photo 94e814d7-3fb6-4db2-bbc6-fda64c51b6b7_zpsrq9adpv7.jpg

Quando torno da un fine settimana di lavoro non ho proprio ben chiara la quantità di verdure rimaste in frigo e, visto che mi dimentico sempre di controllare, finisce che durante la spesa del lunedì mattina svaligio il fruttivendolo e mi ritrovo con qualche doppione a cui, ovviamente, devo dare uno scopo diverso dalla via verso il bidone dell’organico. Questo lunedì era la volta delle carote, con cui ho avidamente riempito un sacchettino, convinta di averle finite. Se non fosse che, quando arrivo a casa e inizio a  sistemare la mole immensa di verdure, vedo altre carotine, risalenti alla scorsa settimana, ormai chiazzate e molto tristi. Il mio rimo pensiero è stato quello di impiegarle per un minestrone o una vellutata, visto che ne consumo in quantità industriali, ma, sinceramente, volevo provare qualcosa di diverso e così mi è balenata l’idea di trasformarle in leggere e salutari french fries, che di french hanno davvero poco e di fries proprio niente, quindi, a mio parere sono assolutamente deliziose :D

Ingredienti:

carote

un filo d’olio

timo

sale

origano

aglio

rosmarino

Prendere lo spicchio d’aglio e tritarlo con il rosmarino per creare un battuto abbastanza fine. Pelare le carote e tagliarle a striscioline di media grandezza, cercando di farle il più possibile omogenee. Metterle in una ciotola e condire con un filo d’olio, il battuto di aglio e rosmarino, il sale, l’origano ed il timo. Miscelare bene e adagiare i bastoncini di carote sulla leccarda coperta di carta forno. Infornare a forno già caldo a… boh non saprei perché ho ereditato il forno della nonna che (non si fa per dire, è veramente il forno che mia nonna ha comprato quando si è trasferita in Toscana circa trent’anni fa) non ha le temperature segnate, però a occhio e croce credo 180°, per una ventina di minuti, a seconda della potenza del forno, per il mio è stato anche troppo, come si può notare dall’abbronzatura della carotine ;b servire assieme a una manciata di frutta secca come merenda completa da gustare comodamente seduti sul divano con la vostra serie tv preferita.

Buon fine settimana ;)

Vellutata di carote, un giorno di pioggia e la fiducia in se stessi

 photo 20150421_132442_zpsuxvvx0v3.jpg

Questo argomento mi ronzava in testa già da tempo ma non mi piace tediare chi legge (qualcuno sta leggendo?!) con discorsi su l’aspetto fisico o lamentele velate su quanto sia difficile perseguire un obiettivo anche quando sembra che niente riesca a migliorare. Sono cose futili, mi dicevo, confrontate a quello che succede in politica, alle guerre, all’economia e poi non lo so, insomma non volevo cadere nella fossa di “ci sono cose più importanti alle quali pensare” ed uscirne colpevole e bastonata, così mi sono astenuta fino ad oggi. Ora basta, mi sono decisa a dare voce a questo “futile” argomento, perché alla fine proprio futile non è, visto che molte ragazze e ragazzi soffrono di patologie molto gravi derivate dalla loro ossessione per il peso, che finisce per tradursi in una vera e propria malattia, molte volte mortale. Voglio parlare di questo perché è un problema a me molto vicino, forse il centro dei miei obiettivi nell’ultimo anno. Ecco, io sono una persona regolare, mangio bene ed in modo giusto, vado in palestra tutti i giorni e non ho vizi particolari; sfortunatamente nell’ultimo periodo qualche medicinale e qualche strappo frequente alle giuste regole alimentari mi ha portato ad accumulare quattro bei chiletti, tutti in vista sui fianchi e difficoltosi da mandare via nonostante l’allenamento; il motivo?! Una cura ormonale troppo bassa che mi ha rallentato in maniera badipesca il metabolismo e ora sto aspettando i risultati delle nuove analisi per vedere se ci sono stati dei miglioramenti, continuando la mia vita in maniera regolare. Ed è qui che si arriva al punto, nonostante siano quattro chili, non riesco più ad accettarmi, a piacermi con nessun vestito e sto vivendo un periodo dove mi sento molto a disagio con il mio corpo, dove il mio riflesso allo specchio continua a deludermi. Ecco ci sono arrivata, mi sono scoperta, ho scritto nero su bianco il mio futile problema, e non mi interessa se “ci sono cose più importanti alle quali pensare”, questo è il mio spazio, quindi get over it! Tuttavia ci sono momenti nei quali mi sento un po’ stupida, quando invece di desiderare le magre e lunghissime gambe di una ragazza con il fisico statuario mi trovo a desiderare la determinazione e la tranquilla accettazione di sé di quella ragazza con qualche chiletto in più che non intende conformarsi alla massa ma vuole soltanto essere felice ed essere soprattutto se stessa con il suo pregi ed i suoi difetti. Sì, in questi casi mi sento così piccola e ottusa da non vedere che il mondo sta cambiando, sempre più case di moda, negozi o personaggi dello spettacolo si stanno impegnando ad abbattere i pregiudizi legati al corpo perfetto, che vedono l’idolo e la perfezione in ragazze non in salute e osannano una magrezza ossuta. Sono felice di come si stanno evolvendo i parametri di giudizio utilizzati per giudicare la bellezza di un corpo e devo veramente ringraziare queste celebrità per la loro lotta a livello mediatico contro gli standard, le loro foto non convenzionali e le continue campagne di incoraggiamento all’accettazione di sé; e grazie alle persone imperfette come me e sicure di sé, con un’aura così forte da essere meravigliosamente contagiosa, grazie perché forse mi avete aiutato ad aprirmi e forse questo post è l’inizio per riuscire ad accettarmi ma non per smettere di combattere per raggiungere il mio peso forma, questo è un inizio per essere, diciamo, un pochino più tranquilla, meno angosciata, più rilassata e magnanima quando mi trovo in un camerino ;)
Detto questo, più leggera e spensierata, penso sia meglio passare a cose più gustose, come una colorata e fumante vellutata di verdure in un giorno uggioso di pioggia, semplice semplice (quasi da vergognarsi a postarla!), veloce e gustosa!

Ingredienti (per una ciotola come in foto):

3 belle carotone

1 porro

un rametto di rosmarino

un cucchiaino di miso (o sale)

pepe

Tagliare le carote ed il porro a cubettini, metterli in una pentola insieme al rametto di rosmarino, aggiungere due dita d’acqua e lasciar cuocere un quarto d’ora con il coperchio, controllando di tanto in tanto che l’acqua non evapori tutta e non si brucino le verdure. Quando le carote ed il porro saranno morbidi mescolare in mezzo bicchiere d’acqua calda (ma non bollente) il cucchiaino di miso e aggiungerlo alle verdure (in alternativa salarle a piacere). Frullare il tutto con il frullatore ad immersione e aggiustare di densità aggiungendo o meno acqua. Io la preferisco molto densa quindi ne ho messa pochina, ma è solo una questione di gusti. Trasferire in una bella ciotola capiente, condire con pepe, un giro d’olio buono ed il gioco è fatto.

Buon appetito e buon inizio settimana, e mi raccomando, siate sempre sicuri di voi, fiduciosi della vostra immagine e della vostra bellezza, siate dei fott**i badass ;)