Il meritato giorno (quasi) libero e la cremina pasticcera

 photo 20140512_163433_zpslqphoqfa.jpg

“Oh finalmente oggi è lunedì!” mi scappa detto in un affollato luogo pubblico e subito vengo investita da occhiatacce di ogni genere da parte dei passanti; già dimenticavo che per voi il fine settimana è finito, per me invece appena iniziato! Mi metto allora zitta a finire in fretta le mie commissioni perché sì, oggi è il mio giorno libero e ho tante cose da fare, soprattutto oziare un pochettino tra un libro, un videogame e qualche miniatura da dipingere. Ma si sa che, essendo tutti e due  tutti i giorni molto impegnati, tendiamo a rimandare le cose lunghe e importanti, gli impegni social, le visite e i vari pranzi/cene con parenti e amici al lunedì, così anche il giorno libero non è più così tanto libero ma, bensì pieno zeppo di appuntamenti e commissioni che devono essere fatte ma con calma, perché nonostante tutto, teoricamente e ufficialmente, è sempre il mio giorno libero.

Elucubrazioni a parte stasera siamo stati invitati da dei parenti dello hobbit che non vediamo da un po’ e per l’occasione ho voluto preparare un dolcino. Devo comunque essere sincera: giuro che inizialmente, complice la stanchezza del fine settimana, mi era saltato in mente di portare, assieme a una bottiglia di buon vino, un dolce di una rinomata pasticceria, ma fortunatamente il pensiero non mi ha sfiorato due volte (già me ne vergogno di una!) e sono tornata in me, con tanta voglia di condividere la mia passione portando qualche cosina preparata con le mie mani, ci tengo molto, soprattutto quando si parla di persone care. Mi è toccato eliminare dalle scelte possibili i dolci che necessitano di cottura in forno visto che la vecchia cucina ne è sprovvista, così pensandoci un po’ su mi è venuta voglia di rifare un dolce preparato la settimana scorsa per una serata a tema al ristorante, il croquembouche. I bignè, ahimè, sono quelli comprati (maledetta cucina senza forno!) quindi in realtà, l’unica cosa che ho fatto, oltre l’assemblaggio, è stato preparare una dolce cremina pasticcera 100% vegetale, buona come ripieno e anche in tazza come merenda!

Ingredienti

500 ml di latte di soia

30 g di amido di mais

60-70 g di zucchero grezzo di canna

scorza di limone a piacere (io ho omesso)

In un pentolino mescolare bene l’amido di mais e lo zucchero di canna. Aggiungere a filo il latte mescolando con una frusta, facendo attenzione a non creare grumi. Accendere il fuoco e portare la crema a bollore, sempre mescolando finché la crema non inizia a rassodarsi per bene. Raggiunta la densità desiderata togliere dal fuoco e lasciar raffreddare.

Dopodiché ho riempito i bignè di crema con il sac a poche, con il quale ho un pessimo rapporto, e infine assemblati a piramide con il caramello. Buon appetito e buon inizio settimana :)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...